Come Arrivare
Auto
Aereo
Treno
Dove Pernottare
Hotel
Bed and Breakfast
Informazioni utili
Come spostarsi
Mappe
Varie
Cultura
Storia
Geografia
Arte
Cosa visitare
Chiese
Musei
Palazzi
Vie e Piazze
Gallerie d'arte
Eventi
Mostre
Varie
Dove Mangiare
Ristoranti
Bar e Caffe'
Dove Divertirsi
Cinema
Teatri
Locali notturni
Servizi
Link utili
Newsletter
Lavoro

Palazzi di Torino

Stampa Invia questa pagina ad un amico
Indice palazzi di Torino
Palazzo Madama
Palazzo Reale
Palazzo Chiablese
Palazzo Carignano
Mole Antonelliana
Borgo e Castello Medioevale
Palazzo Bricherasio
Palazzo Benso di Cavour
Palazzo Falletti di Barolo
Villa della Regina
Palazzo Saluzzo Paesana
Castello del Valentino
Palazzo Cisterna
Palazzo Lascaris
Casa Romagnano
Palazzo Birago di Borgaro
Palazzo Asinari di San Marzano
Palazzo del Senato Sabaudo
Palazzo di Cittā
Palazzo dell´Universitā
Palazzo Solaro del Borgo
Cavallerizza Reale
Villa Abegg
Villa Paradiso
Mastio della Cittadella
Castello degli Acaia
Il Lingotto
Palazzina di caccia di Stupinigi

Palazzo Carignano


Una delle più originali costruzioni del barocco, fu realizzata nel 1679-1684 da Guarino Guarini su incarico del principe Emanuele Filiberto il Muto, figlio di Tommaso di Carignano.
La facciata in cotto è ad andamento curvilineo, con il corpo centrale ellittico aggettante anche verso il cortile interno.

Palazzo Carignano
Palazzo Carignano

Dal vestibolo due scaloni in curva portano al piano nobile, dove era il salone delle feste trasformato nel 1848 in aula del Parlamento subalpino.
Il palazzo venne raddoppiato dal lato interno con la creazione dell'ala ottocentesca di Giuseppe Bollati su disegno di Gaetano Ferri (1864-1871), con greve facciata verso la retrostante piazza Carlo Alberto.

Questa, con monumento equestre a Carlo Alberto (Carlo Marocchetti, 1861), è delimitata sul lato opposto dalla facciata neoclassica delle ex scuderie del principe di Carignano, conglobata nel moderno edificio della Biblioteca Nazionale Universitaria (1959-1973).

Palazzo Carignano, dove nacquero Carlo Alberto e Vittorio Emanuele II, fu sede del primo Parlamento subalpino e poi del primo Parlamento italiano, fino al trasferimento della capitale a Firenze nel 1865.

Ospita attualmente il museo Nazionale del Risorgimento italiano, la Deputazione subalpina di Storia patria, l'Istituto di Studi di Storia del Risorgimento e la Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici del Piemonte.

Informazioni:
Indirizzo: Via Accademia delle Scienze 5
Telefono: 011.562.11.47 (museo Nazionale del Risorgimento)
Sito internet: http://www.artito.arti.beniculturali.it/museum.php?museum=3
Calcola il percorso