Come Arrivare
Auto
Aereo
Treno
Dove Pernottare
Hotel
Bed and Breakfast
Informazioni utili
Come spostarsi
Mappe
Varie
Cultura
Storia
Geografia
Arte
Cosa visitare
Chiese
Musei
Palazzi
Vie e Piazze
Gallerie d'arte
Eventi
Mostre
Varie
Dove Mangiare
Ristoranti
Bar e Caffe'
Dove Divertirsi
Cinema
Teatri
Locali notturni
Servizi
Link utili
Newsletter
Lavoro

Palazzi di Torino

Stampa Invia questa pagina ad un amico
Indice palazzi di Torino
Palazzo Madama
Palazzo Reale
Palazzo Chiablese
Palazzo Carignano
Mole Antonelliana
Borgo e Castello Medioevale
Palazzo Bricherasio
Palazzo Benso di Cavour
Palazzo Falletti di Barolo
Villa della Regina
Palazzo Saluzzo Paesana
Castello del Valentino
Palazzo Cisterna
Palazzo Lascaris
Casa Romagnano
Palazzo Birago di Borgaro
Palazzo Asinari di San Marzano
Palazzo del Senato Sabaudo
Palazzo di Cittā
Palazzo dell´Universitā
Palazzo Solaro del Borgo
Cavallerizza Reale
Villa Abegg
Villa Paradiso
Mastio della Cittadella
Castello degli Acaia
Il Lingotto
Palazzina di caccia di Stupinigi

Palazzo Reale


Iniziato nel 1646 dalla madama reale Cristina di Francia per sostituire il vecchio palazzo del Vescovo, conserva intatta la facciata di Carlo Morello (1658). L'edificio, a pianta quadrata, con cortile interno, fu residenza dei re di Sardegna fino al 1859 e di Vittorio Emanuele II, re d'Italia, fino al 1865.

Le decorazioni e gli arredi interni testimoniano il succedersi dei numerosi artisti che vi lavorarono dal XVII al XIX secolo.
Salendo il monumentale scalone di Domenico Ferri, 1864-1865, ornato da dipinti e statue ottocenteschi, con l'eccezione del monumento a Vittorio Amedeo I, si giunge al primo piano, dove ha inizio la visita.

Palazzo Reale
Palazzo Reale

Nell'ampio Salone degli Svizzeri, con fregio dei fratelli Antonio e Gian Francesco Fea (1558-1661) raffigurante i Fasti della stirpe sassone di Vitichindo, da cui discenderebbe casa Savoia, tela del soffitto di Carlo Bellosio (1842) e grande Emanuele Filiberto alla battaglia di San Quintino (1557) di Palma il Giovane, si dipartono la Galleria della Sacra Sindone, con accesso alla cappella, la Galleria delle Battaglie, la scala delle Forbici, geniale creazione di Filippo Juvarra (1720) e la sequenza delle sale di rappresentanza.

La prima è la sala dei corazzieri o delle Dignità, dove sono appesi due arazzi con Elementi, della manifattura di Beauvais (1695 circa). Seguono la sala degli Staffieri o delle Virtù, rappresentate nel fregio e nella tela di Charles-Claude Dauphin al centro del soffitto intagliato e dorato, mentre alle pareti spiccano gli arazzi della serie di Don Chisciotte della manifattura di Gobelins (1746-1747); la sala dei Paggi o delle Vittorie, con tele e decorazioni del secolo XVII.

Si passa nella sfarzosa sala del Trono, con intagli dorati di epoche diverse, Allegoria della Pace (1662) di Jan Miel nella volta e bel pavimento intarsiato. La sala delle Udienze e quella del Consiglio conservano i soffitti seicenteschi, mentre gli arredi e le decorazioni si devono all'intervento di Pelagio Pelagi, diretto da Carlo Alberto.

Notevole il Gabinetto Cinese, rivestito di lacche originali su progetto di Juvarra, con affresco di Claudio Francesco di Beaumont. Passata la camera da letto di Carlo Alberto, con pala di Defendente Ferrari ed il pregadio di Carlo Alberto, con preziosi intarsi di Luigi Prinotto (1732) e Pietro Piffetti, si giunge nella sala della Colazione, con soffitto e fregio seicenteschi e bel parafuoco intagliato da Giuseppe Maria Bonzanigo, sulla quale si apre l'alcova ottagonale.

La Galleria del Daniel, con la quale Carlo Emanuele Lanfranchi completò, sotto Vittorio Amedeo II, l'ala di levante, prende il nome da Daniel Seyter, che dipinse nella volta l'Apoteosi di Vittorio Amedeo II (1688-1692).
Seguono le stanze dell'appartamento della Regina: la camera da letto, con soffitto del Seyter, la Camera di lavoro, il Gabinetto di toeletta, con due mobili del Piffetti (1731-1733), il pregadio, la sala delle Cameriste, la stanza della Macchina e la cappella privata della Regina, decorata su disegno di Benedetto Alfieri (1739).

Dal Gabinetto delle miniature, così detto dalla collezione di personaggi sabaudi miniati (secoli XVIII-XIX), si passa nella Sala da pranzo, con arazzi della manifattura torinese, e nella Sala del Caffé, decorata su disegno di Lanfranchi (1685-1690). Nella fastosa Camera dell'alcova, che conserva gli intagli dorati seicenteschi, è collocata una parte della collezione di Carlo Alberto di vasi giapponesi e cinesi (1750-1850).

Seguono la sala del trono della Regina, con ovali in marmo (1739) e nella volta Trionfo delle Grazie, e la Sala da ballo, con colonne di marmo bianco, realizzata, unendo due sale, dal Palagi, cui spetta l'Olimpo del soffitto. Al secondo piano vi sono altri appartamenti dei duchi di Savoia e dei duchi d'Aosta, con decorazioni e arredi dei secoli XVIII-XIX visibili in occasioni particolari.

Informazioni:
Indirizzo: Piazzetta Reale 1
Telefono: 011.436.14.55
Fax: 011.436.15.57
Sito internet: http://www.beniarchitettonicipiemonte.it/reale.htm
E-mail:
Calcola il percorso