Museo Spazio La Stampa

Inaugurato il 29 ottobre 2012 Spazio La Stampa è il percorso espositivo che racconta l’evoluzione del quotidiano piemontese dal 1867 ai giorni nostri. I quotidiani hanno più di cinque secoli di storia ma sono pochi nel mondo i musei che la raccontano. La Stampa è il primo quotidiano in Italia ad aver creato un proprio spazio museale, un percorso attraverso il quale il visitatore può ripercorrere le tappe salienti dalla sua fondazione e contemporaneamente rileggerne gli avvenimenti alla luce della storia d’Italia e di Torino. Un’esperienza unica per rivivere gli ultimi 147 anni di storia comune, anni che meritano di essere raccontati ai lettori e all’intera collettività soprattutto in un momento di grande trasformazione, dove la fruizione del quotidiano non è più legata soltanto al prodotto cartaceo, ma è sempre più connessa all’utilizzo delle versioni digitali consultabili attraverso i tablet, gli smartphone, il web ed i social network.

Museo Spazio La Stampa - Sezione grandi firme

Museo Spazio La Stampa – Sezione grandi firme

Si è voluto quindi creare un luogo che tenga traccia del passato, che lo custodisca, ma che al tempo stesso guardi al futuro. Un luogo soprattutto che sottolinei come La Stampa, nonostante la sua lunga storia, sia capace di rimanere al passo con i tempi e di cogliere le numerose sfide che il mondo odierno della comunicazione e dell’informazione pone. Un viaggio tra passato e futuro, un’esperienza per il visitatore per scoprire il mondo del giornale e del giornalismo, le sue molteplici evoluzioni sia in campo tecnologico produzione del giornale stesso sia dei suoi riti e del suo linguaggio.

I ritmi che scandiscono la lavorazione del quotidiano e la vita di redazione; la lunga e laboriosa creazione del quotidiano che si svolge nell’arco dell’intera giornata, un lavoro pertanto sempre in costante evoluzione; i motivi per i quali è importante andare in stampa con le notizie aggiornate da fornire al lettore per un valido approfondimento che oggi, da non dimenticare, è facilmente fruibile da altri canali e attraverso altri mezzi di comunicazione. Questi sono solo alcuni degli aspetti che lo Spazio La Stampa offre l’opportunità di comprendere appieno finanche di "toccare con mano". Un lavoro complesso quello che giorno dopo giorno dà vita al giornale quotidiano, completato dalla fase produttiva notturna in stabilimento. Tutto deve pertanto essere realizzato in tempi brevi affinché, fresco di stampa, possa arrivare nell’edicole di tutta la penisola.

L’allestimento museale è stato così concepito per offrire al visitatore un percorso di visita interattivo e coinvolgente: vi sono ben sette postazioni touch-screen che, dedicate alla consultazione di importanti prime pagine, sono state organizzate per argomenti (guerre, grandi imprese, personaggi, eventi sportivi, catastrofi, storia d’Italia, storia di Torino) e che consentono al visitatore di rileggere i fatti storici attraverso il linguaggio del tempo e con il supporto di gallerie fotografiche e video.

Museo Spazio La Stampa - Sezione il quotidiano del futuro

Museo Spazio La Stampa – Sezione il quotidiano del futuro

Il visitatore può cimentarsi in prima persona con la composizione di una prima pagina (grazie all’ausilio di un’applicazione interattiva touch-screen) decidendo quali notizie porre in evidenza, quali immagini utilizzare come fotonotize e quale argomento scegliere come editoriale. A lavoro ultimato sarà così possibile confrontare la pagina creata con quella effettivamente pubblicata e comprendere il perché delle scelte fatte dalla redazione.

A pochi passi dal menabò la sezione dedicata alle grandi firme: le cronache di Enzo Biagi, gli interventi di Giovanni Arpino, le corrispondenze di Igor Man. E ancora Leonardo Sciascia, Norberto Bobbio, Primo Levi, Mario Soldati e Natalia Ginzburg. Ma anche i primi articoli di un giovane Mike Bongiorno e il contratto di collaborazione stilato in lingua russa tra La Stampa e Mikhail Gorbaciov.

Infine un viaggio nel tempo: l’impaginazione e la produzione del giornale, che hanno subìto le maggiori trasformazioni legate all’evoluzione delle tecnologie, sono illustrate nella sezione dedicata al delicato passaggio dall’era del piombo, con la sua linotype, al mondo digitale della videoimpaginazione dei nostri giorni.

Spazio La Stampa – come dicevamo – può rappresentare per il visitatore un’occasione unica. L’alternanza di autentici cimeli, filmati e applicazioni interattive raccolti tutti insieme nel medesimo luogo e con un unico proposito: far conoscere tutto ciò che ruota intorno ad un quotidiano.

 
 

Informazioni:
Indirizzo: Via Lugaro 21, 10126 Torino
Telefono: +39 011.656.83.19
Sito internet: http://www.lastampa.it/spaziolastampa
E-mail:
Il museo è ad ingresso gratuito

Top