Palazzo Benso di Cavour

Palazzo Cavour

Palazzo Cavour

Il palazzo, noto anche per essere stato dimora dello statista Camillo conte di Cavour, nasce nel 1729 su progetto dell’architetto Gian Giacomo Plantery e su committenza del conte Michele Antonio Benso di Cavour.

L’edificio è articolato intorno al cortile d’onore e a quello rustico (con scuderie e accesso da via Lagrange) posti in asse e collegati da un portale strombato, secondo una scenografica sequenza di spazi comprendente l’atrio suddiviso in due ambienti con volte a vele lunettate e decorato da stucchi.

Lo scalone, posto contrariamente al solito in aderenza alla facciata (forse per garantire più ambienti esposti a sud), è ornato da una volta dipinta nel XIX secolo.

Al piano nobile corrispondono all’atrio due saloni, maggiore quello verso la strada ed ornato nella volta da stucchi neobarocchi di primo ottocento, concepiti in assonanza con altri originali presenti nel palazzo.

Nell’angolo fra via Cavour e Lagrange si conservano le sale decorate su progetto di Benedetto Alfieri negli anni 1757-1758, caratterizzate da rivestimenti in legno intagliati e dorati.

Nel 1754 il palazzo era stato ampliato con la costruzione della nuova ala su via Cavour, su progetto di Giuseppe Bovis.

 
 

Informazioni:
Indirizzo: Via Cavour 8
Telefono: 011.530.690
Fax: 011.531.117

Top